Il banchetto romano

Ancora un brano da quello che sarebbe stato il quaderno di storia romana di “Figurine nella storia” (se l’opera non fosse diventata “I grandi protagonisti della storia”). 



Come per i Greci, anche per i Romani la coena era il pasto principale: la precedevano nell’arco della giornata lo eientaculum (o ientaculum) e il prandium, più frugali. Anche la coena, in origine, seppur più ricca, non era particolarmente sfarzosa: sarà l’influenza dei costumi greci a farne un rito distintivo dei ricchi nelle tre fasi della gustatio(l’antipasto), dei fercula (la cena vera e propria) e dei tragemata (i dessert). Nell’intervallo tra un momento di refezione e un altro gli schiavi della casa, che il padrone distribuiva ad inizio pasto tra i vari convitati perché si prendessero cura di essi in ogni istante della serata, potevano lavare loro i piedi o comunque espletare mansioni relative alla loro igiene (in fig.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: