Critica crioedifagetica

Proprio come un suono, anche il gusto ha un colore e un timbro. In particolare, il colore, o palatabilità o papillarità, è l’essenza percettiva del gusto; il timbro, o gutturalità, è la traccia dell’esperienza percettiva. Applicando questo discorso alla crioedifagetica, dal punto di vista del timbro abbiamo gusti cremosi, scioglievoli, fruttati etc.; dal punto di vista del colore abbiamo invece gusti nocciolati, pigmentosi etc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: