Paralipomeni della "Storia dei presidenti americani" – Barack Obama

 Il miglior manuale per conoscere in modo sintetico ma esauriente le biografie dei presidenti Usa  è quello del giornalista Mario Francini, apparso nel 1996 nella collana “100 pagine – 1500 lire” della collana Tascabili Economici Newton. Il volumetto si ferma a Clinton, più precisamente al suo primo mandato: la nostra intenzione è quella di continuare l’opera di Francini.  

Il primo afroamericano alla guida degli Stati Uniti diventò presidente il 4 novembre 2008, ad un’età quasi kennediana. Riconfermato nel 2012, visse una sorta di autunno della sua popolarità mondiale, che invece era stata fortissima nei primi quattro anni della sua era presidenziale. Eppure i due tempi della sua amministrazione furono ugualmente significativi: nel corso del primo mandato, infatti, si ebbe la grande riforma del sistema sanitario, l’Obamacare, votata nel 2010, che garantiva l’assicurazione medica gratuita a tutti i cittadini; poi nel 2011 ci fu il raid di Abbottabad, in Pakistan, che consentì l’uccisione di Osama bin Laden. 

Del secondo mandato, invece, bisogna ricordare l’accordo sul nucleare con l’Iran del 2015, promessa per una decisiva distensione col paese degli ayatollah, e, sempre nel 2015, la firma con altri 196 paesi dell’accordo di Parigi sul clima, impegno per una riduzione globale dei gas serra. Ma, a parte queste luci, gli anni dal 2012 al 2016 furono tutt’altro che esaltanti per Obama, che proprio a metà mandato non poté più contare sulla maggioranza in Parlamento  mentre, all’interno degli Stati Uniti, lo scontro interazziale tornava sorprendentemente a incrudelirsi. Sul piano internazionale, poi, l’espansione dell’Isis,  che non seppe contrastare, praticamente lo obbligò a rimangiarsi la promessa di portare a termine il disimpegno militare americano in Iraq. Non molto più incisiva fu la presenza Usa in Siria, al fianco dei ribelli anti-Assad, e in Libia, divenuta una polveriera dopo la caduta di Gheddafi. Lasciò un’America tutt’altro che pacificata sul piano sociale e non più sicura rispetto ai tempi al suo succesore deisgnato, quella Hillary Clinton che egli stesso aveva battuto alle primarie democratiche e che sembrava già destinata a perdere.       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: